Home

Commenda S. Michael

Tracce e documenti
I cavalieri ieri
I cavalieri oggi
Attività
Contatti
Area riservata
News
 
13 maggio 2017, Convegno "Templari: il primo processo politico della storia", Rossano Calabro
 
 

17 Giugno 2017, Convegno "Una rivolta sociale: il ruolo dei cavalieri templari" , Rossano centro storico
 

Giorno 17 giugno 2017, a Rossano, nel Palazzo delle Suore Riparatrici di Madre Isabella de Rosis, si è tenuto il convegno dal titolo “UNA RIVOLTA SOCIALE. Il ruolo dei Cavalieri Templari”, organizzato dalla Sezione “San Michael” di Rossano dell’Accademia Templare-Templar Academy. Al tavolo dei relatori il Maestro del Gran Priorato d’Italia - O.S.M.T.H., Prof. Stelio W. Venceslai, che ha relazionato su “I Templari come forza sociale”, e il Prof. Mario Saccone, che si è soffermato su “Le tecniche di combattimento dei Cavalieri Templari”. Ha moderato il Dott. Gianfranco Palmieri, Grande Ufficiale del Gran Priorato d’Italia - O.S.M.T.H.
Priorità dei Templari era proteggere la Terra Santa dai predoni. - ha detto Saccone - La milizia templare era disciplinata e obbediente. Particolarità delle tecniche di combattimento erano la disciplina e l’obbedienza alla catena di comando, la “Lancia”, sorta di commando, come nuova unità tattica, pene severissime per chi non ubbidiva, solidarietà tra i Cavalieri e i combattenti appiedati, riconoscimento del valore sociale e strategico dei fanti. Il raggruppamento, l’inizio dell’azione, i cambi tattici e la ritirata, erano coordinati dalla bandiera templare bianca e nera. Infine, l’arma di offesa è anche tipica del periodo, ma la spada del templare ha la punta arrotondata perché non serve ad attaccare, bensì a difendere”.
Il Prof. Venceslai, partendo dall’esame del Cavaliere Templare di un tempo, che “era nobile e innovatore in diversi campi”, ha sottolineato gli aspetti del ruolo sociale che ha oggi il Templare. “I Templari – ha detto il Prof. Venceslai - devono essere portatori di valori nella società di oggi. Ci accorgiamo che c’è un divario di crescita tra il Paese reale ed il Paese legale. E’ un’evoluzione che ha completamente schiacciato il presente. Siamo proiettati sempre più nel futuro. Noi Templari di oggi, dunque, sensibili ai problemi della società, dovremmo affrontare le difficoltà insieme a quanti pensano che le cose vanno male, ma si sentono impotenti. La nostra società è ad una svolta e se continuiamo a restare inattivi dinanzi al peggioramento della situazione, si andrà incontro a sicuro fallimento. C’è bisogno di una rivolta morale per contribuire al cambiamento”.
Dopo gli interventi si è aperto un interessante dibattito con il pubblico presente.

 
Eco dello Jonio
 
 
 

27 Gennaio 2018, IV Premio internazionale di poesia "Dal Tirreno allo Jonio", città di Anagni
 
Bando
 
 

30 e 31 Dicembre 2017, Consegna pacchi di beneficenza, Rossano
 


I cavalieri si sono interessati della spesa e del confezionamento dei pacchi dono contenenti diversi generi alimentari (pasta, sugo, olio, salumi, latte, biscotti, marmellate, merendine, ect ect),
La consegna è stata effettuata a cura dei cavalieri, nelle giornate di sabato 30 dicembre accompagnati del responsabile laico della Caritas, signora Emma Salone, e nella giornata di domenica 31 dicembre accompagnati dal responsabile don Giuseppe Straface.
Costruttivi i momenti di incontro con queste famiglie, dove siamo stati accolti con calore e gratitudine. Parlare con loro, ascoltare le loro storie e i loro racconti su come sia difficile arrivare a fine mese, si prende maggiore consapevolezza di quanta povertà nascosta c’è intorno a noi, e sicuramente in ogni città.
Certamente ciò che è stato donato non risolve i loro problemi, ma è bello pensare che è servito per donare qualche giorno di serenità.

 
   
   
   
 

3 Gennaio 2018, Festa della befana, Rossano Calabro

In prossimità della festa dell’Epifania i cavalieri della Commenda “San Michael” hanno acquistato dei giocattoli e ne hanno fatto dono ad alcuni bambini di famiglie bisognose della parrocchia San Paolo di Rossano, indicati dal sacerdote don Giuseppe Scigliano. Giorno tre gennaio, nel salone parrocchiale, dopo un momento di gioco, si è proceduto alla consegna dei giocattoli.